HomeCulturaLa vera amicizia nasce a Udine e dintorni

La vera amicizia nasce a Udine e dintorni

i protagonisti di Un bacio di Cotroneo

La vera amicizia nasce a Udine e dintorni

L’amicizia è una cosa grande, questo ricordatelo, e se arrivato a quarant’anni non hai amici, datti da fare perché solo loro ti salveranno…

 

‏Blu, Lorenzo e Antonio insieme

 

Titolo: Un bacio

Regia: Ivan Cotroneo
Sceneggiatura: Ivan Cotroneo, Monica Rametta
Protagonisti: Rimau Grillo Ritzberger, Valentina Romani, Leonardo Pazzagli, Thomas Trabacchi, Susy Laude, Giorgio Marchesi, Simonetta Solder, Sergio Romano, Laura Mazzi, Eugenio Franceschini
Produzione: Indigo Film, Titanus, Rai Cinema con il contributo del MiBACT in collaborazione con Friuli Venezia Giulia Film Commission e Sky Cinema

Lorenzo (Rimau Grillo Ritzberger) è un adolescente, dichiaratamente omosessuale, arrivato a Udine poiché adottato da una famiglia. Blu (Valentina Romani) a scuola viene considerata una ragazza facile. Antonio (Leonardo Pazzagli) è figlio di una guardia giurata e vive il peso del fratello maggiore morto in un incidente. Nonostante la bravura nella pallacanestro i suoi compagni lo considerano un ritardato. Frequentano tutti e tre la stessa classe.

Il film parla di adolescenza, prime volte, ricerca della felicità e degli ostacoli per raggiungerla, e di piaghe come il bullismo e l’omofobia.

 

Istituto Tecnico Marinoni Udine

 

I protagonisti di Un Bacio

 

Il Friuli, e nello specifico la città di Udine, offre scenari da scoprire ancora una volta incorniciati dal cinema. In Un bacio di Ivan Cotroneo, tratto dal libro omonimo dello stesso regista e cosceneggiatore, Udine è una città che si può conoscere passeggiando per Piazza della Libertà Porta Aquileia, visitando le Gallerie del Tiepolo, il Museo Etnografico, le Chiese di San Francesco, della Beata Vergine del Carmine e delle Grazie.

Presso la Loggia del Lionello, o palazzo Comunale, si possono rivivere le sensazioni del cineasta durante le prime riprese serali del film, le scene in mountain bike dei ragazzi, tra colonne e scale:

Di notte improvvisamente questa città sembra magica, quando non c’è nessuno in giro, ed è così che una notte, elegantissimi e innamorati della loro amicizia, la vedono i miei tre ragazzi.

 

Loggia Lionello

Così ha parlato il regista Ivan Cotroneo dei luoghi delle riprese:

 

Una piccola città del Nord dove un passato d’arte si scontra con le case popolari e i capannoni appena fuori il centro storico.

Udine era la città di Lorenzo, Blu e Antonio…Udine mi ha fatto sentire di volere girare lì. Come per tutti gli innamoramenti, c’è qualcosa, un momento preciso che ha fatto scattare questa sensazione, e per me è stata una passeggiata notturna, nel centro storico. Mi sono ritrovato sotto la Loggia del Lionello e ricordo di avere pensato “È qui, il film deve essere qui.”

Udine mescola vecchio e nuovoun centro storico bellissimo, la periferia dei capannoni e una scuola superiore moderna, con un campo di basket e larghi corridoi sul modello dei licei americani.

La scuola dei protagonisti è ambientata all’interno del vero istituto tecnico G.G. Marinoni di Udine, con il coinvolgimento nelle riprese anche di veri alunni, istituto divenuto nel film: il Liceo Scientifico Isaac Newton, definito così da Cotroneo:

Un liceo moderno, che sembra quasi precipitato dall’alto in un paesaggio non urbano. Grandi vetrate. Cemento grigio.

Il Marinoni è per me una scuola bellissima, con i suoi ampi corridoi che (con molto rispetto e umiltà) mi hanno fatto ricordare un film-capolavoro che ho amato molto, Elephant, di Gus Van Sant. Volevo una scuola moderna, bella e austera, cemento e luce, e il Marinoni era perfetto, tranne che per l’ingresso sulla strada, un po’ sacrificato per le esigenze del mio racconto. Visitando l’istituto, mi è venuto in mente che avremmo potuto trasformare il retro della scuola nel suo ingresso principale e con la scenografa del film, Ivana Gargiulo, dopo avere ottenuto le necessarie autorizzazioni abbiamo fatto così, creando un vialetto di accesso, un parcheggio bici e scooter, un’area di ricreazione e rovesciando l’accesso all’edificio.

 

Blu e Lorenzo

 

Share With:
Rate This Article

Andrea è laureato in Teorie e tecniche del linguaggio cinematografico. Segue e scrive di cinema e teatro, dopo aver coltivato e amato quest'ultimo personalmente, studiando teatro e canto e partecipando a spettacoli e Festival, in Italia e non solo. Ha scritto per varie testate tra cui Best Movie e Saltinaria, Cinespresso e Amazing Cinema. Nel suo percorso si occupa anche della promozione e organizzazione di eventi culturali, teatrali, musicali e turistici. Tra questi ci sono stati Musicultura, MArtelive, e il Levante International Film Fest.

andrea.dcosmo@gmail.com

No Comments

Leave A Comment